05 aprile 2014

Hack travel update. Work in progress all night long

Ormai è scesa la sera e la stanchezza un po' si sente. La giornata è stata davvero intensa e il popolo degli innovatori reclama bibite energetiche. Per loro la notte è ancora giovane, tutta da sfruttare per portare a buon fine il progetto che dovranno realizzare e presentare entro domani mattina.


Il pomeriggio è scivoltato via veloce, tra primi confronti all'interno dei gruppi, pausa gelato (con tanto di ambulante che proponeva prodotti artigianali di ottima qualità) e pitch via videochiamata con Matteo Stifanelli, il simpatico country manager di AirBnB Italia, che ha condiviso la propria esperienza e risposto ad alcune domande in diretta.

Chi si è sistemato sui tavoli dei vari edifici, chi sparpagliato tra divani e spazi all'aperto, chi addirittura ha impostato il lavoro di gruppo e poco fa ha lasciato il camp per lavorare individualmente, riposare un po' e ripresentarsi domattina.

I rappresentanti delle aziende hanno partecipato con interesse e disponibilità all'hakathlon, sono stati molto presenti tra i gruppi di lavoro e si sono confrontati a lungo con i partecipanti, aiutandoli a capire in che direzione sviluppare le proprie idee.

Dalla mia posizione privilegiata di silenziosa osservatrice ho origliato i loro brainstorming, ho sbirciato tra i monitor a caccia di bozze grafiche, ho scambiato quattro chiacchiere con l'uno o con l'altra, ho ascoltato le prime idee condivise con mentors e aziende.

Alle 19 è iniziata una prima "ronda" ufficiale: i responsabili di H-farm e i manager aziendali hanno fatto un giro tra i tavoli di lavoro per sentire che cosa ciascun gruppo aveva pensato di realizzare, in modo da dare ai componenti la possibilità di confrontarsi con gli ipotetici committenti prima della consegna finale, per testare le reazioni ed eventualmente riaggiustare il tiro.

I partecipanti erano avidi di reazioni ed è stato bello assistere al dialogo - che così tanto manca in Italia - tra entusiasti (e spesso molto giovani) proponenti e mondo delle imprese, all'incontro tra freschezza ed esperienza. Il format pare funzionare bene insomma, anche stando a quello che dichiarano i diretti interessati, da un lato e dall'altro. Le aziende ascoltano con attenzione, i ragazzi imparano. C'è scambio, c'è crescita.

Non posso darvi grandi anticipazioni sugli specifici progetti, ho promesso che non avrei svelato in anteprima alcun dettaglio... anche perché molti gruppi non sono ancora riusciti a finalizzare un'idea e stanno ancora discutendo su possibili sviluppi. Molti stanno ridefinendo il proprio "prodotto" anche sulla base dei giudizi ricevuti. Solo domani potrete quindi saperne di più!

Verso mezzanotte inizieranno i primi contest, sotto forma di quiz e sfide individuali, che intervalleranno i lavori in corso, anche per tenere alta l'attenzione. Si va avanti fino all'alba...

Buon lavoro ragazzi, che la notte porti intuizioni!

@CristinaFavento

#HackTravel #Hfarm #HIndustry

ps. Per cena sono arrivati a H-Farm 90 metri di pizza! NO-VAN-TA. No, dico, tanto per darvi un'idea del microcosmo che sta vivendo qui questi due giorni...

Leggi anche:

Il pre-evento: innoviamo il turismo?

Hacktravel, che cos'è e come si fa?