26 ottobre 2012

IL MIO REGALO SEI TU. VI RACCONTO L'ESORDIO DI SARAH SPINAZZOLA..


La prima volta che ho visto mio padre è stato in televisione.

È stata la mamma a farmelo vedere.
Una sera entra in camera mia con la sua amica Betta, accende la TV, gira per un po’ tra i canali, e poi dice «Guarda, quello lì è tuo padre».

«Be’, vi assomigliate», dice la Betta.

«È vero, avete lo stesso taglio degli occhi», dice la mamma.

«E anche il colore dei capelli», dice la Betta.

Sono lì, seduta sul letto di camera mia che ascolto la mamma e poi la Betta. Parlano come due dal parrucchiere mentre io in silenzio cerco di guardare lo schermo. Quello è mio padre, mi dico.

Inizia così “Il mio regalo sei tu”, romanzo d'esordio di Sarah Spinazzola, pubblicato da Marcos y Marcos. Racconta di un padre ritrovato dopo 18 anni. Il giorno precedente Lidia l’ha visto per la prima volta in televisione, suo padre, l’ha cercato, e ora eccola lì, che sposta il peso da un piede all’altro nella portineria di uno studio televisivo. Lui non ha subito tempo per lei. Ha del lavoro da finire, le chiede soltanto un attimo. Diciotto anni e un attimo. “Hai fatto bene a cercarmi tu, perché io non l’avrei mai fatto” le dice.

Leggi l'intera recensione e l'intervista su Affaritaliani.it