12 febbraio 2013

VOLOTEA, SERVIZIO INESISTENTE!

Niente Sardegna, bloccati all'aeroporto di Venezia per bufera di neve. Sei ore di attesa prima che il volo fosse ufficialmente cancellato. Rispetto all'arrivo in aeroporto alle 18 (l'imbarco era previsto alle 19.15), l'abbiamo saputo quasi a mezzanotte.
Capisco che tutto il terminal partenze fosse in subbuglio totale ma l'assistenza di questa compagnia è stata davvero pessima, anche se meglio sarebbe dire: inesistente!
Mentre i passeggeri di altre compagnie avevano degli sportelli di riferimento, venivano indirizzati su altri voli ove possibile, ricevevano assistenza e buoni pasto per mitigare il disagio, noi poveri "sfigati" diretti a Olbia siamo stati semplicemente ignorati da tutti.
Prima ci è stato detto che avremmo dovuto fare la fila agli sportelli Alitalia (e vi lascio immaginare quante decine di persone imbufalite già erano in attesa visti i voli sospesi...) perché a quelli della compagnia spagnola non si è presentato nessuno. Senonché, dopo oltre un'ora di coda, ci hanno detto di andare alla postazione check in di Volotea dove sarebbe arrivato qualcuno della compagnia che invece non abbiamo mai visto. No, dico, in almeno le tre successive ore di attesa non si è presentato NESSUNO. A casa mia si chiama "presa per i fondelli".
Non mi è mai successo niente del genere. Nel momento in cui hanno deciso di cancellare il volo, non potevano comunicarlo subito, come hanno fatto le altre compagnie?
Perché far aspettare tante persone all'aeroporto per 6 ore senza neppure uno straccio di comunicazione ufficiale o un qualche loro rappresentante che si degnasse di scusarsi o di dare delle banali informazioni su eventuali altri voli o su come la compagnia stesse gestendo questo tipo di emergenza?
Capisco il fattore meteo, capisco che la compagnia è una low cost, ma ciò non toglie che un minimo di servizio al cliente, tanto più in una situazione di simile disagio (con gente che dormiva per terra e che litigava per una sedia o per l'ultimo pezzo di pizza rimasto nel bar svaligiato dalle centinaia di passeggeri costretti inaspettatamente a bivaccare lì per la notte) sia dovuta. Com'è possibile che venga tollerata una gestione tanto poco rispettosa dei diritti di un consumatore?
Sono domande alle quali qualcuno oggi, passata la tempesta, dovrà pur rispondere...