05 marzo 2013

POVERA NAPOLI


Niente si è potuto, dicono i vigili del fuoco, contro l'incendio divampato ieri sera alla Città della Scienza, che ha distrutto l'intero complesso architettonico lasciando in piedi soltanto i muri perimetrali. Povera Napoli! Oltre ai rifiuti, al malgoverno, ai palazzi che crollano, ora pure questa.. Simbolo involontario di un'Italia che va in cenere? Speriamo, a dispetto di qualsiasi pronostico, possa essere una Fenice che porti nuove speranze proprio laddove ce n'è, forse, più bisogno...
In attesa di capirlo, solidarietà alla parte buona della città, che perde cento posti di lavoro e una delle poche occasione positive di crescita.