15 maggio 2013

WERNER HERZOG, PREMIO ALLA CARRIERA AL FESTIVAL DI LOCARNO

© Robin Holland
Il regista, sceneggiatore, produttore, scrittore e attore tedesco Werner Herzog sarà premiato durante il 66° Festival del film Locarno (7-17 agosto 2013) con il Pardo d’onore Swisscom. Per l’occasione, oltre alla presentazione di una selezione di opere rappresentative della sua filmografia e alla cerimonia di premiazione in Piazza Grande, Herzog parteciperà a una conversazione aperta al pubblico del Festival, moderata da Grazia Paganelli, co-autrice di una monografia sul regista.
Werner Herzog, una delle figure più importanti del cinema tedesco e internazionale, raggiunge il successo già con il primo lungometraggio, Segni di vita (Lebenszeichen, Orso d’argento a Berlino nel 1968 per la Migliore opera prima). Con Aguirre furore di Dio (Aguirre, der Zorn Gottes, 1972) inizia il forte sodalizio con il nemico-amico Klaus Kinski, protagonista fra gli altri diFitzcarraldo (1982, Premio per la regia al Festival di Cannes) e Nosferatu – Il principe della notte(Nosferatu: Phantom der Nacht, 1979). Herzog si impone anche nel cinema documentario, dedicando a Klaus Kinski il ritratto Kinski, il mio nemico più caro (Mein liebster Feind – Klaus Kinski, 1999), e girando opere di successo come Grizzly Man (2005) o Encounters at the End of the World (2007, nominato all’Oscar).
Il Direttore artistico Carlo Chatrian si dichiara «felice di poter accogliere a Locarno un regista che così bene incarna lo spirito del Festival: nel corso della sua lunga carriera Herzog ha saputo passare tra fiction e documentario, tra produzioni a budget ridotto e film con grandi star senza perdere nulla della propria identità. Se i premi non sono solo dei riconoscimenti ma anche dei segnali per il futuro, penso che Werner Herzog sia la persona più indicata a tracciare la strada che il Festival vuole percorrere. Una strada che pensa il cinema come un atto che coinvolge e “stravolge” le persone che lo fanno e che lo vedono. Un atto che richiede una ferma volontà e un’altrettanto precisa presa di posizione. La stessa che ha mosso Herzog a lasciare il suo villaggio sulle montagne della Baviera per percorrere le strade del mondo e tradurre in immagini e suoni le esperienze vissute, condivise, immaginate.»
I dieci film presentati in occasione del Pardo d’onore Swisscom a Werner Herzog sono:
  • Anche i nani hanno cominciato da piccoli (Auch Zwerge haben klein angefangen, 1970)
  • Aguirre furore di Dio (Aguirre, der Zorn Gottes, 1972)
  • L’enigma di Kaspar Hauser (Jeder für sich und Gott gegen alle, 1974)
  • Nosferatu – Il principe della notte (Nosferatu: Phantom der Nacht, 1979)
  • Fitzcarraldo (1982)
  • Dove sognano le formiche verdi (Wo die grünen Ameisen träumen, 1984)
  • Il diamante bianco (The White Diamond, 2004)
  • Grizzly Man (2005)
  • L’ignoto spazio profondo (The Wild Blue Yonder, 2005)
  • My Son, My Son, What Have Ye Done (2009)
Il Pardo d’onore, sostenuto da Swisscom per il quinto anno consecutivo, è il riconoscimento del Festival del film Locarno a grandi registi del cinema contemporaneo. In passato è stato assegnato a maestri del calibro di Bernardo Bertolucci, Ken Loach, Paul Verhoeven, Jean-Luc Godard, Abbas Kiarostami, William Friedkin, JIA Zhang-ke, Alain Tanner, Abel Ferrara e, nel 2012, Leos Carax.

Il 66° Festival del film Locarno avrà luogo dal 7 al 17 agosto 2013.