18 gennaio 2008

CARNEVALE D'ARGENTO A FIUME


Recensito anche dal Sunday Times e segnalato tra i cinquecento eventi più interessanti d’Europa, il Carnevale di Fiume (in croato Rijeka) celebra quest’anno il suo venticinquesimo anniversario. Con l‘alzabandiera a Pehlin, Zamet e Crimea, si è aperta ieri ufficialmente una delle più vivaci kermesse balcaniche del periodo, che prosegue oggi, alle ore 20 presso il Palasport della Gioventù a Tersatto (Dvorana mladosti), con la cerimonia della consegna delle chiavi della città alle maschere e l’elezione della Reginetta del Carnevale.
Regina del Golfo del Quarnero e principale porto commerciale dell’intera Croazia, Fiume è facilmente raggiungibile da Trieste percorrendo una settantina di chilometri circa. Pur vantando una tradizione centenaria nella celebrazione del Carnevale con feste e balli mascherati, la prima vera e propria sfilata della città fu organizzata nel 1983 dalla federazione turistica cittadina assieme a tre gruppi mascherati. Furono gli “zvončari” dello Halubje, i “Lako ćemo” e i “Signori di Pehlin” i primi ad attraversare festanti il Korzo, la principale via pedonale del centro, e a dare origine alla manifestazione che coinvolge oggi migliaia di persone.

Domenica 20, alle ore 21, da Crimea fino al Castello di Tersatto, sfileranno proprio gli “zvončari” mentre, alle ore 20, di nuovo presso il Palasport, è previsto uno spettacolo di ballerine brasiliane. Dal 24 gennaio, alla Casa della cultura di Sušak, come d’abitudine, saranno in cartellone anche quest’anno le “Commedie di Carnevale”. Il primo spettacolo che andrà in scena, di Zijah A. Sokolović, s’intitola “Infragiochi 0-24” (Međuigre 0-24). La seconda rappresentazione sarà “L’importanza di chiamarsi Ernesto”, di Oscar Wilde, in programma per il 27 gennaio con inizio alle ore 20, mentre il 31 gennaio, alle ore 19, andrà in scena la prima dello spettacolo preparato dal Teatro dei burattini “Morčić”.
Il 25 gennaio, nella palestra di Zamet sarà inaugurata una mostra dedicata al 40esimo anniversario degli “zvončari”. Nella stessa sede sono previsti anche alcuni balli in maschera, ai quali si può partecipare con invito, che si svolgeranno il 19 e il 26 gennaio, il 2 febbraio (con inizio alle ore 21) e il 6 febbraio (alle ore 20). Il 25, alla vigilia del tradizionale Rally mascherato Pariz-Bakar, che partirà il 26 gennaio alle 10.45 appunto dal rione Pariz a Fiume, nel Salone delle feste della Comunità degli Italiani, si svolgerà il Ballo degli ottani (ore 21).

Sabato 26 gennaio, alle ore 13, arriva l’appuntamento più atteso dai piccini: la spettacolare sfilata mascherata per i bambini che, travolgendo allegramente il Korzo, riverserà in città migliaia di giovani protagonisti e un’ottantina di gruppi coinvolti nella presentazione di venti carri allegorici.
Nel corso di tutto il periodo carnevalesco sono previsti anche una serie di concerti e di mostre. Fra i tanti eventi in programma fino al 6 febbraio, quando Messer Carnevale sarà messo al rogo, come ogni anno, il momento clou rimane la sfilata internazionale organizzata in centro città per la giornata del 3 febbraio a partire dalle ore 12. Per il festoso corteo colorato, è prevista la presenza di oltre diecimila maschere, di un centinaio di carri allegorici riccamente arredati e di circa centomila visitatori che arrivano dall’intera Croazia e dai paesi vicini. Tra gli altri, sfileranno anche gruppi provenienti dall’Italia, dalla Slovenia e da altre nazioni come il Brasile o il Ghana. Il tema dell’intera manifestazione sarà l’argento, simbolo del venticinquesimo anniversario.

A scaldare l’atmosfera ci penserà il presfilata particolarmente animato. Numerosi sono, infatti, gli appuntamenti di sabato 2 febbraio quando si svolgeranno: la maratona mascherata di Radio Fiume (dalle 12 alle 23 in Corso), il Carnival Party (ore 20 al molo Adamich), il Pigiama Party (ore 20, al Caffè-bar Iskra), e il Gran ballo dei Vip, al quale interverranno vari rappresentanti di spicco del mondo politico e sociale. Anche il presidente della Repubblica croata, Stipe Mesič, ha confermato la sua partecipazione.

di Cristina Favento,
pubblicato su "Il Piccolo" di venerdì 18 gennaio 2008