04 agosto 2006

PUPPETFESTIVAL- dal 21 agosto al 2 settembre

Anche quest’anno il PuppetFestival, giunto alla sua 15esima edizione, promette d’incantare bambini ed adulti con 44 spettacoli, in programma dal 21 agosto al 2 settembre, proposti dai più affermati rappresentanti italiani ed europei del Teatro di Figura.
Da Gorizia a Romans d’Isonzo, attraverso i più svariati generi e tecniche, la rassegna porterà in scena burattini e marionette, pupazzi e Contastorie, passando per le tradizioni veneta e partenopea, per i canovacci emiliani, per favole e leggende di derivazione popolare.
Tra gli ospiti più attesi Sergio Bini, in arte Bustric (lo ricordiamo nella sua parentesi cinematografica a fianco di Benigni ne “La vita è bella”), che il 2 settembre a Gorizia chiuderà il Festival con il suo “Pierino e il lupo”, delicata e fantasiosa rilettura di un classico di Prokofiev attraverso uno speciale allestimento per azioni mimiche, teatro visivo e pantomima.
Debutterà in prima nazionale anche la nuova produzione del Teatro Stabile Sloveno di Trieste: “Olga e l’Arcobaleno”, allestimento bilingue di Marco Sosič.

Sostenuta da Regione, Provincia, Comuni e Cassa di Risparmio di Gorizia, l’intera manifestazione è ormai consolidata a livello regionale ed accresce di anno in anno il proprio prestigio nazionale ed internazionale. Tangram Teatro, Minimax, Teatrino della Marignana, Teatro del Pavaglione, Gaspare Nasuto, Marionette Grilli, Dante Cigarini, Divadlo Piki (Slovacchia), Teatro Fabularia (Austria) e Vitì Marčika (Rep. Ceca) sono alcuni tra gli altri nomi di compagnie ed artisti previsti in cartellone.
Nella prima settimana gli spettacoli animeranno alcuni inediti scenari: dalle spiagge e calli di Grado, che diventerà dal 21 al 27 agosto una vera e propria città-festival, sino a Romans d’Isonzo ed al nuovo percorso del Collio isontino, un itinerario di valorizzazione del territorio organizzato in collaborazione con le cantine del Movimento Turismo del Vino FVG.

Tratto da un canovaccio dell’800 e presentato da Romano Danielli, uno dei più illustri interpreti della tradizione burattinesca bolognese, “Ginevra degli Almieri” aprirà la seconda parte del Festival che dal 28 agosto al 2 settembre si svolgerà a Gorizia, sede storica della manifestazione e dell’ente organizzatore CTA, Centro Regionale di Teatro di Animazione. “Lo spettacolo è interessante dal punto di vista sia storico, sia filologico” spiega Roberto Piaggio, direttore artistico del Puppet assieme ad Antonella Caruzzi, “è una proposta molto raffinata, così come lo è il Teatro di Figura dedicato agli adulti, un teatro cui si sono avvicinati grandi autori e tutte le avanguardie del ‘900”.

Proprio al pubblico adulto sarà dedicata la sezione Tendenze con la fase conclusiva del progetto “Beckett&Puppet”, rivisitazione inconsueta avviata dal CTA nella scorsa edizione in vista del centenario del grande drammaturgo, con due tappe ad ottobre: una ricca tre giorni teatrale a Gorizia dal 13 al 15 e un percorso video-cinematorgafico al Miela di Trieste il 16 e 17.

Cristina Favento, pubblicato su "Il Piccolo" del 01/08/2006