26 ottobre 2007

FESTIVAL DELLA CREATIVITÀ A FIRENZE

FIRENZE. Per i più creativi e intraprendenti d’Italia l’appuntamento questo fine settimana è nel capoluogo toscano. Alla Fortezza da Basso sono ben quattrocento gli eventi in programma per il “Festival della Creatività”, un format aperto, contaminato con iniziative di vario genere e organizzato dalla Fondazione Sistema Toscana.
La seconda edizione, inaugurata ieri, si prospetta davvero stimolante. Ad ingresso libero, la kermesse accoglierà sino a domenica mostre, conferenze, dibattiti, performance, concerti e dimostrazioni che inizieranno al mattino per protrarsi fino alle tre di notte (programma completo e approfondimenti su http://www.festivaldellacreativita.it/).

Nei 40mila metri quadrati di superficie espositiva, saranno 1600 gli artisti e relatori ospiti, provenienti da quaranta diversi paesi e appartenenti ai più svariati campi di innovazione, design, cultura, ricerca scientifica, nuovi media e musica. Spiccano soprattutto alcuni grandi nomi del mondo dell’arte e della cultura italiana e internazionale tra i quali Dario Fo, Andy Fletcher (leader dei Depeche Mode), Derrick De Kerckhove, Gillo Dorfles, Nobuo Uematsu e Massimiliano Fuksas.
Molto eterogenei sono i temi trattati in relazione alla creatività: competitività e mercato; etica ed estetica; internet, comunicazione e nuove tecnologie; infanzia; progettualità e innovazione. Tra i percorsi più interessanti segnaliamo “I processi che disegnano la città e il territorio”, ampio spazio dedicato al mondo dell’architettura e dell’urban design internazionale, e le iniziative legate a “comunicazione e partecipazione”, un approfondimento in materia di digitale, software libero e liberi saperi, che prevede anche un raduno nazionale dei “wikipediani”.

“InNova” è una delle aree più affollate del festival, con centri di ricerca, università e accademie d’arte. Il mondo dell’impresa partecipa attraverso rappresentanti del design, premi e borse dedicati a nuove idee e brevetti e “Job Fair”, dove s’incontrano offerte e domande di lavoro.
Estremamente interessante è, infine, “segni, suoni e immagini”, nell’area spettacoli dal vivo, con eventi di primissimo piano: dal grande Fletcher al vulcanico Roy Paci, dall’estro di Stefano Bollani e Giovanni Lindo Ferretti agli artisti della Warner Chappell Music, passando per l’inedito trio Gazzè-Turci-Rei e le calde sonorità dei gruppi del centro sociale Brancaleone di Roma. Novità assoluta per l’Italia sarà il concerto live del compositore giapponese Nobuo Uematsu, considerato un mostro sacro della musica contemporanea, divenuto famoso come autore delle colonne sonore del popolarissimo “Final Fantasy” e delle musiche di alcuni tra i più noti videogame.
Non mancheranno spazi dedicati a danza, teatro, web art e sperimentazioni audiovisive, con sezioni quali Electro Club, Switch Area e DigiFestival.net, prima rassegna artistica multimediale in video streaming con ospiti come Domenico Procacci, Paul Epstein e Annette Marion. Il 29 ottobre, in appendice, chiuderà un concerto di Giovanni Solima agli Uffizi.
La manifestazione sarà seguita no-stop attraverso tg on line, talk show ed altri appuntamenti sul portale http://www.intoscana.it/ e sarà trasmessa anche su MTV e Radio 2 Rai.
di Cristina Favento,
articolo pubblicato su Il Piccolo di venerdì 26 ottobre 2007